• sabato 15 dicembre 2018
  • Seguici su

ITALIASPORTmartedì 20 novembre 2018 21:38

Var e arbitri: guida allo scudetto “illegittimo” della Juve firmata da un pool di giuristi

Le polemiche e i dubbi sull’ultimo scudetto vinto dalla Juventus non accennano a placarsi. Anzi, dai bar e dai salotti virtuali del web si trasferiscono su carta stampata, trovando conforto nella giurisprudenza. A negare la legittimità del tricolore conquistato in volata dai bianconeri, ai danni del Napoli del record storico di punti guidato da Sarri, è un pool di autorevoli giuristi che hanno dato vita al volume “Campionato di Calcio e Stato di Diritto”.

Il libro, a cura di Guido Clemente di San Luca, professore ordinario di Diritto Amministrativo all’Università degli Studi della Campania Luigi Vanvitelli, sarà presentato venerdì in anteprima nazionale all’università Suor Orsola Benincasa di Napoli. Tra gli invitati alla cerimonia anche Raffaele Cantone, presidente dell’Autorità Nazionale Anticorruzione, Filippo Patroni Griffi, presidente del Consiglio di Stato, Amerigo Restucci, già Rettore dell’Università IUAV di Venezia e lo scrittore Maurizio De Giovanni, autore di numerosi libri anche di ispirazione calcistica, da “Storie azzurre” a “Il resto della settimana”.

L’opera, alla quale hanno collaborato dieci autori con altrettanti saggi, dal magistrato Catello Marescaal penalista Giuliano Balbi, passa in rassegna tutti gli episodi più controversi dello scorso campionato: dal fallo di mano di Bernardeschi contro il Cagliari fino al contestatissimo Inter-Juventus con la direzione di Orsato del 28 aprile.

La tesi è che il risultato del campo sia stato determinato da una serie di decisioni arbitrali illegittime e dall’utilizzo non corretto del Var, lo strumento tecnologico incarnazione della tanto rinomata, e per anni auspicata, “moviola in campo”. L’analisi scientifica degli episodi è affidata a tavole esplicative di facile lettura, “comprensibili anche da chi di diritto non s’intende – spiega Clemente di San Luca - e si conclude avanzando il dubbio sulla liceità dei comportamenti assunti da alcuni arbitri, dubbio che risulta non infondato in base alla dimostrazione della palese ed inspiegabile illegittimità delle loro scelte. Spetterebbe poi agli organi giurisdizionali preposti avviare le indagini sulle eventuali cause illecite di questi comprovati fatti – conclude l’autore - e stabilire se e come ci sia stato dolo nel favorire la Juventus”.

[di Simone Spisso ]
Potrebbe interessarti anche ...