• venerdì 6 dicembre 2019
  • Seguici su

ITALIASALUTEmercoledì 13 novembre 2019 12:24

Stanchi e affamati: colpa del tempo

 Quando le giornate diventano più corte, riscontriamo un maggiore malessere che ha alla base un fondamento scientifico. Con l’arrivo dell’autunno, cambio dell’ora legale e le giornate colme di nuvole, molte persone soffrono di malinconia. Abbiamo fame di dolci, carboidrati in generale, malumore.  

Ma a cosa è dovuto tutto cio? La causa è da ricercare nell’alterazione del ciclo melatonina/ serotonina! Una situazione destinata a peggiorare a NOVEMBRE. Col diminuire delle ore di luce, diminuiscono i livelli di serotonina quindi maggiore fame, mentre aumentano quelli di melatonina, l’ormone che, come ben noto, aumenta la propensione al sonno, quindi maggiore stanchezza.

Queste sostanze necessitano del triptofano per la loro sintesi. La sovrapproduzione di melatonina può portare al consumo aumentato di triptofano, che lo rende meno disponibile per la sintesi della serotonina, l’ormone del buonumore. Quali sono le conseguenze? Un’eccessiva sintesi di melatonina durante l’autunno e l’inverno che portano aumento dell’appetito e l’aumento del sonno. Il ruolo dell’alimentazione è fondamentale per far fronte a questo disturbo tipico dell’autunno. Ma quali sono gli alimenti ricchi in triptofano?

I cereali, i legumi, il pesce, le uova ne sono ricchi, ma anche la verdura di stagione ci aiuta in questo periodo: cavolo, zucca, carciofi! Mi raccomando, cerchiamo quindi di mangiar bene, di superare al meglio questa fase, diamo il tempo al corpo di abituarsi al nuovo ciclo, ma nel frattempo non perdiamo di vista l’obiettivo: VOLERSI BENE!

 

Dott.ssa Loredana Silvestro 

 

Biologa nutrizionista

 

Perf. Educazione alimentare e prevenzione delle malattie dismetaboliche

 

 + 39 3333493870 silvestro.loredana@gmail.com

 

 

[di Dott.ssa Loredana Silvestro ]
Potrebbe interessarti anche ...