• domenica 24 marzo 2019
  • Seguici su

MUNICIPALITA' 7SOCIETA'sabato 2 marzo 2019 11:15

Secondigliano 1837, quando san Gaetano Errico guarì dal colera la figlia del notaio Miranda

E’ la primavera del 1837: un’epidemia di colera colpisce Napoli e non risparmia Secondigliano. Il notaio Cosimo Miranda è disperato: anche sua figlia, di pochi  anni, è costretta a combattere contro la terribile malattia infettiva. Per i medici non c’è nulla da fare. Il notaio, uomo di fede, si rivolge a don Gaetano Errico.

‘O Superiore lo rassicura: “vostra figlia guarirà”. Don Gaetano, come suo solito, si affida alla preghiera. Passano appena ventiquattr’ore e la piccola è fuori pericolo. Il giorno dopo la bambina si alza dal letto e riprende a giocare. Ancora una volta il santo di Secondigliano ha compiuto un miracolo.

[di Redazione ]
Potrebbe interessarti anche ...