• mercoledì 22 maggio 2019
  • Seguici su

MUNICIPALITA' 7SCUOLAvenerdì 22 febbraio 2019 12:02

Secondigliano, i familiari di Attilio Romanò incontrano gli studenti della Pascoli 2

Aveva soli 29 anni Attilio Romanò quando, il 24 gennaio 2005, la camorra lo uccise, per uno scambio di persona, nel negozio di telefonia dove lavorava, a Miano. Da allora la famiglia di Attilio non ha mai smesso di ricordarlo attraverso numerose iniziative, diventate preziose testimonianze nella diffusione della cultura della legalità soprattutto tra i più giovani.

Lungo questa direzione  si inserisce l’incontro tenutosi nell’aula polifunzionale del plesso Carbonelli dell’istituto comprensivo “Pascoli 2”, dove si sono riuniti i gruppi classe dei plessi "Marta Russo" e "Carbonelli".

«E’ il primo degli eventi del nostro progetto sulla legalità, che il 12 marzo vedrà la piantumazione di un ulivo nel plesso Marta Russo e una marcia dalla scuola fino alla parrocchia Sacri Cuori, per ricordare tutte le vittime innocenti di camorra. Sono iniziative importanti in un territorio martoriato dalla criminalità dove la scuola è sempre in prima linea nel difendere i valori della legalità» ha spiegato la dirigente scolastica, Monica Marasco.

Emozionata nel tenere viva la memoria di Attilio, la sorella Maria presente insieme alla mamma del giovane, Rita Carfora. «Incontrare gli studenti è sempre una testimonianza spontanea di grande affetto, che ci fa capire quanta bellezza c’è in questo territorio. I vostri interventi, i vostri lavori ci danno la forza di andare avanti».

Della storia di Attilio i ragazzi hanno discusso in aula con i docenti, elaborato riflessioni, realizzato disegni sui cartelloni. Particolarmente significativo uno con i volti di Attilio, un divieto dell’uso della pistola e lo slogan “+ saperi – spari”.

 Per il consigliere Vincenzo Mancini, intervenuto alla manifestazione, «è importantissimo che una storia così dolorosa, come quella di Attilio, sia condivisa dalle nuove generazioni per capire quanto sia fondamentale discernere il bene dal male».

[di Raffaele Sarnataro ]
Potrebbe interessarti anche ...