• lunedì 23 settembre 2019
  • Seguici su

MUNICIPALITA' 7POLITICAmercoledì 12 giugno 2019 11:05

Moschetti (VII Municipalità): «Paralisi amministrativa colpa del Comune, dimissioni inutili»

«Le dimissioni auspicate da alcuni consiglieri non risolverebbero la paralisi amministrativa di cui soffre anche la nostra Municipalità per colpa dell’inerzia del sindaco de Magistris che, anziché potenziare il decentramento, continua a tagliare fondi e personale, dimenticando sempre di più le periferie, dove ormai sono negati i servizi essenziali. Sono stato eletto a suffragio universale da 16mila cittadini e le dimissioni non comporterebbero l’azzeramento dei veri colpevoli, ovvero la giunta comunale. Anzi andremmo incontro ad un commissariamento che paralizzerebbe ulteriormente l’attività amministrativa. Si fa presente che come Municipalità, quasi sempre autofinanziandoci, portiamo avanti numerose attività nel campo aggregativo,  sociale e ambientale, non ultima l'adozione delle aiuole e tante altre, che con le dimissioni andrebbero a scomparire. Uno sforzo immane, senza risorse, che non può essere vanificato così. Uno strumento molto più efficace per lo scioglimento sarebbe la presentazione delle firme dei consiglieri dal notaio, sulla scia di quanto avvenuto di recente nei Comuni di Arzano e Bacoli. Pertanto, i contestatori che non condividono la linea politica attuale, possono abbracciare questa strada prevista dalla legge e andare così tutti a casa. Altre contestazioni risulteranno sempre strumentali e non efficaci».

Lo dichiara a Periferiamonews Maurizio Moschetti, presidente della VII Municipalità.

[di Redazione ]
Potrebbe interessarti anche ...