• domenica 17 novembre 2019
  • Seguici su

MUNICIPALITA' 7CRONACAsabato 9 novembre 2019 10:52

Miano, case popolari colabrodo e fessure strutturali. I residenti: «Qui rischia di crollare tutto»

Piove come se non ci fosse alcuna copertura nelle case popolari di cupa Santa Cesarea, a Miano. Piove sulle teste degli inquilini, sui mobili, sui materassi. I secchi, che i residenti hanno sempre a portata di mano, si riempiono goccia dopo goccia dopo le ultime abbondanti precipitazioni.

«Sarà un altro durissimo inverno – denuncia un giovane che vive nelle case colabrodo di proprietà del Comune di Napoli – perché qui, oltre ad ammalarci, rischiamo seriamente. A causa delle infiltrazioni di acqua piovana, oltre ai danni alle pareti infradiciate, si stanno aprendo delle crepe molto pericolose. All’improvviso potrebbe venire giù tutto».

A nulla sono valse finora le segnalazioni a Napoli Servizi. La manutenzione resta una chimera in quest’agglomerato di edilizia popolare alle spalle dell’ex stabilimento Birra Peroni, oggi sostituito da un centro commerciale. Ogni allerta meteo, non importa di che colore sia, è una minaccia da queste parti.

«In casa ho mamma con problemi di disabilità e, nonostante i continui solleciti a vigili del fuoco, protezione civile, Asl, Comune – racconta il giovane – nulla si è risolto. Non vorremmo che i nostri fabbricati facessero la stessa fine del rudere di via Vecchia San Rocco».

Ci mostra i bollettini pagati dell’affitto. La prova di una puntualità che fa da contraltare a diritti negati ogni giorno, manifestati in quei secchi pieni d’acqua, nei muri ammuffiti con la pittura scrostata, negli armadi danneggiati dalle infiltrazioni.

«Agli occhi delle istituzioni – conclude – siamo invisibili. Chi di dovere deve intervenire al più presto, altrimenti qui si rischia la tragedia».

[di Redazione ]
Potrebbe interessarti anche ...