• domenica 17 febbraio 2019
  • Seguici su

CITYCULTURAmartedì 29 gennaio 2019 18:56

La Galleria Borbonica nel nuovo programma di Roberto Giacobbo su Rete 4

Una Napoli insolita e segreta, quella dei cunicoli sotterranei della Galleria Borbonica, protagonista della prossima puntata di “Freedom – Oltre il confine”, il programma di Roberto Giacobbo in onda su Rete4 giovedì 31 gennaio alle ore 21,25.  

Le telecamere di “Freedoom”, giunto alla settima puntata, mostreranno un volto inedito di Napoli che nel suo sottosuolo nasconde una delle città sotterranee più grandi del mondo. 

Roberto Giacobbo esplorerà la rete di cunicoli collegata alla Galleria Borbonica fatta di antiche cave, immense cisterne e rifugi antiaerei della seconda guerra mondiale. Un percorso nel tufo e nella storia che riassume molte pagine del passato di Napoli: dalle cave greche all'acquedotto seicentesco, dai ricoveri anti-aerei fino al deposito giudiziario di auto in funzione nel dopoguerra.

Le gallerie sotterranee verranno mostrate attraverso le immagini esclusive registrate da un drone che, per la prima volta, è riuscito a volare nel sottosuolo napoletano nonostante gli spazi ristretti e le interferenze radio che fino ad oggi lo avevano reso impossibile.

La Galleria Borbonica, inoltre, verrà mostrata in tutta la sua vastità e complessità attraverso una ricostruzione 3D realizzata grazie ad un'accurata nuvola di punti eseguita con strumenti laser di ultima generazione. Sarà dunque possibile vedere per la prima volta l’orientamento di tutti i tunnel sotterranei rispetto ai palazzi della zona di Chiaia e di Monte di Dio.

Roberto Giacobbo mostrerà anche le nuove aree ripulite dall'Associazione Borbonica Sotterranea ed il momento in cui il Presidente Gianluca Minin ha forato il pavimento di Palazzo Serra di Cassano per unire il percorso della Galleria a quello del rifugio anti-aereo dell’antico palazzo nobiliare.

Infine il servizio sarà arricchito dalla preziosa testimonianza di una donna che, da bambina, ha vissuto questi ambienti in prima persona per rifugiarsi dai bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale, proprio come all’epoca fece anche il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano.

[di Redazione ]
Potrebbe interessarti anche ...