• lunedì 21 settembre 2020
  • Seguici su

MUNICIPALITA' 7CRONACAgiovedì 21 febbraio 2019 19:28

L’attore Salvatore Barruffo: «Teatro negato ai ragazzi di Secondigliano, nel quartiere nemmeno una stanza per le prove»

L’ultimo suo spettacolo è andato in scena, pochi giorni fa, al teatro Il Piccolo di Fuorigrotta. E così tanti altri. Salvatore Barruffo, 56 anni, originario di Secondigliano, una vita spesa per il teatro, esperienze in diversi film e nella fiction “Un posto al sole”, i primi passi sulle scene li ha mossi proprio nel suo quartiere, lo stesso dove ora, a causa della mancanza di spazi adeguati, non può nemmeno riunire la sua compagnia, “Napoli Recita” per delle prove.

E’ amareggiato Baruffo dall’idea che Secondigliano, quartiere un tempo ricco di teatri e sale cinematografiche, oggi sia un deserto in termini di locali per la fruizione di spettacolo.

«Avevo 17 anni – racconta – quando mi esibii per la prima volta all’istituto Maglione a corso Secondigliano. All’inizio era come un gioco, poi la passione ha preso il sopravvento e non mi sono più fermato».

A lungo il teatro Arcobaleno ha ospitato le commedie della sua compagnia grazie alla disponibilità di uno dei titolari della struttura, il signor Barducci, che concedeva agli attori anche spazi per le prove. «Ricambiamo la cortesia – aggiunge Barruffo – insegnando teatro ai ragazzi disagi. Un sogno che è svanito quando l’Arcobaleno ha chiuso, poi è stato demolito per lasciare posto ad un palazzo».

Dopo decine di commedie che hanno allietato gli spettatori, a Secondigliano, “Napoli Recita” è stata così costretta ad emigrare per le prove nella zona di Lago Patria e per gli spettacoli al teatro “Il Piccolo” di Fuorigrotta.

 Ogni richiesta di Barruffo alle istituzioni sembra caduta nel vuoto: «Ho chiesto alla Municipalità una stanza per provare con i ragazzi del quartiere ma non ho mai ricevuto risposta. Secondigliano ha bisogno di un teatro soprattutto per i giovani, distratti da brutte strade. La cultura è una grande arma ma dateci la possibilità di metterla in campo».

[di Redazione ]
Potrebbe interessarti anche ...