• sabato 15 dicembre 2018
  • Seguici su

CITYSPETTACOLOvenerdì 9 novembre 2018 17:02

Il ritorno degli ‘A67 con la cover in napoletano di Tuyo

Gli ‘A67 tornano con un’altra chicca, la cover in napoletano di Tuyo, la sigla della fortunata serie netflix, Narcos, del cantautore brasiliano Rodrigo Amarante. Brano che vanta la produzione artistica di Massimo D’ambra. “Ci siamo innamorati della serie – spiega la band – e della sua colonna sonora. Un brano che per passione e atmosfera poteva essere una canzone napoletana, da qui l’idea di adattarla nella nostra lingua madre.” Il destino ha voluto che durante le registrazioni, il cantante della band, conoscesse personalmente Rodrigo Amarante, che ha apprezzato la versione napoletana di Tuyo, e con cui è nato subito un grande feeling. Il video in bianco e nero della canzone, regia di Andrea Ranalli, è stato girato all’interno della vela rossa di Scampia. “Ci piaceva l’idea – continua la band – di portare un po’ di poesia in un luogo diventato simbolo di degrado e criminalità. Provare a raccontare, con le immagini, la normalità di chi vive il nostro quartiere.” La band di Scampia sceglie così di rivisitare il tema musicale della serie Narcos, che ripartirà con la nuova stagione il 16 novembre. Il nuovo disco degli ‘A67 invece vedrà la luce l’anno nuovo. Album anticipato dal singolo, Il Male Minore feat. Caparezza, prodotto da Gigi Canu dei Planet Funk. Singolo uscito poco prima delle elezioni, ricevendo una grandissima attenzione mediatica.

Tuyo è il secondo singolo del nuovo disco degli ‘A67, un brano che intreccia e unisce idealmente Medellin, Napoli e Rio De Janero. Pablo Escobar era ossessionato da Napoli, se ne innamorò dopo averla visitata alla fine degli anni ’70, al punto da chiamare il suo quartier generale, “Hacienda Napoles” (Tenuta Napoli). E anche l’autore di Tuyo ama Napoli, come ha confessato al cantante della band. “Quando sono a Napoli sento il senso di umanità nei modi, nella parlata, nel cibo.” Un amore dovuto anche al fatto che la bisnonna di Rodrigo Amarante era napoletana.

[di Redazione ]
Potrebbe interessarti anche ...