• domenica 18 agosto 2019
  • Seguici su

MUNICIPALITA' 7CULTURAgiovedì 7 febbraio 2019 18:11

I tesori di Secondigliano: gli affreschi del maestro Galloppi nel santuario dell’Addolorata

Sono del maestro Vincenzo Galloppi gli affreschi che possiamo ammirare sul soffitto del santuario dell’Addolorata, nel cuore di Secondigliano. Galloppi, stimato artista sia come affreschista che decoratore, visse all’ombra del Vesuvio tra il 1849 e il 1942.

Nel 1894 ebbero inizio i lavori per l’abbellimento e l’ampliamento del santuario  dell’Addolorata ed il compito di affrescare il soffitto della navata centrale fu affidato proprio a  Galloppi, che completò i lavori nel 1906.

Sull’altare maggiore l’artista raffigurò l’apparizione di Sant’ Alfonso Maria de’ Liguori a padre Gaetano Errico, nella chiesa di Pagani. L’affresco fu scoperto durante i lavori di restauro avvenuti dopo il terremoto del 1980. A lungo, infatti, era rimasto coperto per tutta la sua ampiezza da una tela ad olio raffigurante i Sacri Cuori. Una conservazione che ha consentito all’affresco di non perdere la brillantezza dei colori.

Un altro affresco rappresenta il martirio dei sette fratelli Maccabei, che furono torturati insieme alla loro madre per ordine di Antioco, re della Siria.

L’affresco centrale è quello più grande e rappresenta la gloria di Maria.  Nella parte alta della composizione si vedono in prospettiva voli di angeli in un tripudio di luce.Mentre ai piedi della Vergine sono dipinti i Santi in contemplazione. Sulla volta del soffitto della navata centrale, inoltre,  il Galloppi affrescò sette lunette rappresentanti i sette dolori di Maria.

In queste sette lunette è mirabilmente sottolineata la presenza della Madonna nelle tappe fondamentali della vita di Gesù. La Madonna è dipinta sempre con gli stessi colori e con lo stesso viso per dare continuità alle scene rappresentate. Sulle pareti che sovrastano l’altare maggiore, l’artista ha affrescato gli Angeli della Passione.

L’eccezionale capacità pittorica del Galloppi ha dato a questi affreschi non solo eleganza di disegno, ma anche e soprattutto una tale originalità di composizione che si ammirano sempre con grande piacere.

 

 

[di Redazione ]
Potrebbe interessarti anche ...