• domenica 31 maggio 2020
  • Seguici su

MUNICIPALITA' 7OPINIONIdomenica 8 dicembre 2019 11:00

Dillo a Periferiamonews. «Ecco perché ripristinare lo spartitraffico non servirebbe a dare sicurezza a corso Secondigliano»

In seguito alla serie di incidenti accaduti a corso Secondigliano negli ultimi tempi, tra cui quello che visto ferita in gravi condizioni una giovane investita mentre attraversava la strada, sono riaffiorate le polemiche sulla mancanza di sicurezza lungo la strada principale del quartiere. In molti chiedono il ripristino del cordolo spartitraffico abbattuto nell’ambito dei lavori di riqualificazione, alquanto discutibili per come sono stati eseguiti.

Tuttavia non credo sia la giusta soluzione per dare sicurezza alla strada ed evitare che essa diventi una pista. Il cordolo, infatti, rappresenterebbe un ostacolo al passaggio dei mezzi di soccorso, spesso costretti a farsi largo nel traffico per raggiungere i luoghi degli interventi. Serve piuttosto il ripristino della segnaletica orizzontale e verticale e soprattutto la presenza della polizia municipale agli incroci più pericolosi, supportata dall’installazione di telecamere sugli impianti semaforici per sanzionare chi passa con il rosso e trasgredisce il Codice della strada.

Soltanto il pugno duro può servire come deterrente contro chi sosta in doppia fila, sfreccia ad alta velocità, non rispetta gli scivoli per i disabili, i passaggi pedonali e carrabili. Solo così possiamo mettere fine a questa vera e propria giungla, quale è diventata corso Secondigliano.

 

Luigi Fucci

Consigliere III Municipalità

Vigile del fuoco


 

 

LA POSTA DEI LETTORI   

Dillo a Periferiamonews: ecco come inviare una segnalazione

[di Dillo a Periferiamonews ]
Potrebbe interessarti anche ...