• sabato 18 gennaio 2020
  • Seguici su

ScampiaCRONACAgiovedì 29 maggio 2014 14:33

Da Scampia al Messico, judo per sottrarre i bambini dalla strada

Il progetto è animato da Mario Cifinelli del team Maddaloni. Presto l'inaugurazione di una palestra per i minori a rischio

Sottrarre i bambini dai pericoli della strada attraverso lo sport. Il modello Scampia, incarnato nell'attività condotta dall'instancabile maestro di judo Giovanni Maddaloni, il papà dell'olimpionico Pino, approda in Messico.

Mario Cifinelli, originario di Casavatore, campione di judo e delegato del Comitato Tricolore in Messico, lo propone  per recuperare i tanti minori sfruttati ai semafori, nella vendita della droga o come manovalanza della criminalità organizzata e offrire loro uno sbocco nella vita, all'insegna della crescita sana e della speranza.

Il progetto vive di sole donazioni, indispensabili per acquistare il tatami, gli indumenti  sportivi,   costruire i bagni, gli spogliatoi e le docce, solo per citare le spese più urgenti, perchè in realtà manca tutto per completare la palestra (ricavata in una struttura donata da una signora del posto) e realizzare il sogno dei piccoli atleti.

I maestri impegnati in questa iniziativa sono Mario Cifinelli dello Star Judo Club Maddaloni, Mario Banuelos, Penelope Rosales,  tutte cinture nere.

In occasione dell'inaugurazione della palestra il cui accesso sarà completamente gratuito e dedicato in particolare ai giovani a rischio, prevista tra pochi mesi, è prevista la partecipazione di una delegazione del team Maddaloni.

Per effettuare una donazione o ricevere maggiori informazioni sul progetto è possibile scrivere a mario.cifinelli@libero.it

 

[di Redazione ]
Potrebbe interessarti anche ...