• mercoledì 11 dicembre 2019
  • Seguici su

NapoliSOCIETA'venerdì 4 aprile 2014 22:16

''Verso BeslaNapoli'', il ricordo di Ferdinando Maddaloni e Carmen Femiano per Anna Politkovskaja

''A Pasqua manterremo la promessa fatta: sulla sua tomba per i superstiti della strage in cui morirono 186 minori''

“Verso BeslaNapoli”. È questo il titolo dell’iniziativa che si svolgerà lunedì 7 aprile, alle ore 19, presso La Palestra della mente-Centro Metis, in piazza Canneto 7, nel ricordo di Anna Politkovskaja, la giornalista russa uccisa il 7 ottobre 2006. Una serata-evento a cura di Ferdinando Maddaloni e Carmen Femiano, dell’associazione Artisti civili, che dal 2009 curano il progetto di beneficenza “Una Videoteca per Beslan”, a favore dei bambini del villaggio dell’Ossezia del Nord che nel settembre 2004 fu teatro di una strage in cui morirono 336 persone, di cui 186 minori. “Anna Politkovskaja non arrivò mai a Beslan perché fu avvelenata sull’aereo che avrebbe dovuto portarla lì – ricordano Femiano e Maddaloni – Così il 3 gennaio 2009 ci siamo recati sulla sua tomba nel cimitero di Troekurovskij a Mosca e le abbiamo fatto una promessa: che saremmo arrivati a Beslan, dove lei non riuscì ad arrivare, a portare un sorriso ai bambini superstiti e alle loro famiglie”.

Nel corso dell’iniziativa si terrà la presentazione del libro “Cecenia. La guerra degli altri” di Anna Politkovskaja, un volume non in commercio, preziosa testimonianza delle inchieste scomode della cronista della Novaya Gazeta.

I proventi delle vendite di nove copie, per gentile concessione dell’associazione “Mondo in cammino”, saranno interamente devoluti al progetto “BeslaNapoli – Diamo un calcio ai brutti sogni”.

“Si tratta di un mini torneo di calcio – spiegano i due artisti partenopei in partenza per l’Ossezia del Nord – che organizzeremo a Beslan nella settimana di Pasqua. La N di BeslaNapoli unirà simbolicamente le due città per aiutare tutti (bambini e adulti) a dare un calcio ai brutti sogni a pochi mesi dalla triste ricorrenza del decennale della strage (3 settembre 2014).

In palio, per il vincitore, la maglia donata da Diego Armando Maradona, arrivata direttamente da Dubai una settimana fa attraverso Stefano Ceci e Angelo Pisani, assistente e legale del campione argentino, con la dedica speciale che sarà letta lunedì sera da un tifoso d’eccezione: l’attore Germano Bellavia, da “Un posto al sole”.

[di Redazione ]
Potrebbe interessarti anche ...